• Fabio Salvati

CAVEMAN di e con Maurizio Colombi

Come si può non unirsi al coro di lodi per uno spettacolo, che sia pure con format differenti, è tra i più visti e applauditi al mondo ? Si tratta di un monologo (rivisitato proprio dallo stesso Maurizio Colombi) che nasce negli anni Novanta a Broadway per la penna di Rob Becker: uno spettacolo che parla di coppie, dei rapporti uomo-donna e che ripropone durante tutte le due ore e passa dell’allestimento la stessa sconvolgente considerazione: le donne sono differenti dagli uomini !

Per giungere a questa “clamorosa” conclusione si parte dall’uomo delle caverne, per dire che gli uomini possiedono da sempre l’identità di cacciatori e le donne quella di raccoglitrici, ciò che li ha resi differenti nell’evoluzione, fino a determinare le donne a sfinirsi in ore e ore di shopping e l’uomo a puntare sempre e soltanto a una cosa, anzi a due: il telecomando e il sesso femminile.


La domanda che aleggia continuamente nella narrazione dal palco è sempre la stessa: che cosa rende gli uomini nella considerazione delle donne dei perfetti “stronzi” ? Dalla platea, continuamente sollecitata dal bravissimo Maurizio Colombi, partono boati di condivisione da parte del pubblico femminile e questo gioco di interazione continuo crea un’empatia fissa, tanto che gli spettatori condividono momenti e considerazioni, unendosi spesso ai canti intonati dal palco da Colombi, che si avvale del sostegno impeccabile di un gruppo musicale.

Tutto molto già visto e sentito (poteva mancare l’esegesi della canzone Teorema, con gli uomini a intonare il passaggio, in cui si teorizza “prendi una donna, trattala male”?”) ma il pregio dello spettacolo è che per quanto il tema sia più che consunto, il pubblico ride e ride spesso e volentieri, proprio come fossimo davanti allo schermo della tv a vedere una puntata di Zelig, perché tutto gli rassomiglia, velocità della narrazione, suddivisa in sketch, battute a raffica e contaminazioni musicali di alleggerimento.

Non sarà un caso che lo spettacolo porti la firma di Teo Teocoli, mattatore del Derby milanese



Associazione culturale L'Albero della neve Roma

Design by Veronica Matrisciano - 2017/2020

  • Nero Facebook Icon
  • Black Icon Instagram
  • Nero Twitter Icon

O SCRIVICI